• Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Abamele

E-mail Stampa PDF

L’abamele è un alimento della tradizione sarda che viene ottenuta  durante l’operazione di estrazione della cera dai favi delle api. Per questo motivo al suo interno si trova oltre al miele, il polline, residui di papa reale, propoli e anche parte di cera vergine di api. In essa sono quindi raccolte tutte le proprietà benefiche del miele e quelle della propoli che come è noto ha proprietà antibiotiche (betteriostatiche e battericide) antimicotiche antivirali antisettiche antiinfiammatorie immunostimolanti antiossidanti anti-irracidenti anestetiche cicatrizzanti vasoprottetive.

L'Abamele essendo poi prodotta in primavera durante il periodo di sciamatura spesso richiede la distruzzione di favi contenenti un gran numero di celle reali che riversano la pappa reale in esse contenuta all'interno di questo prodotto.Questo apporto sepur minimo contribuisce a sommare all'abbamele ulteriori effetti benefici provenienti dal contenuto di proteine ed aminoacidi liberi, aminoacidi essenziali,  zuccheri soprattutto glucosio e fruttosio, lipidi, enzimi (diastasi, fosfatasi, invertasi, SOD),fattori colinergici (colina, acetilcolina)Vitamine (B1, B2, B6, PP, biotina, B5, B9, B12, inositolo,Fattori antitossici, antibiotici (roialisina), fattori di crescita (biopterina), fattori citostatici.

Essendo alcune di queste sostanze termolabili si cerca sempre per quanto possibile di ridurre al minimo l'esposizione al calore di questi favi sottoponendoli ad un trattamento termico piu rapido.Nell'abbamele sono anche presenti tracce di polline provenienti dalle scorte polliniche immagazinate dalle api nei favi.

Il polline ha propietà toniche nutritive e rinvigorenti.Tutti questi elementi(miele ,propoli,pappa reale,polline e cera) disciolti nell’acqua vengono concentrati al fuoco e vi viene aggiunta la buccia d’arancia per aromatizzarli.

È un alimento energetico utilissimo agli sportivi , ai giovani ed agli anziani e alle persone convalescenti. usato in Sardegna per il confezionamento di numerosi dolci tradizionali può  essere consumato sul pane per una sana colazione o merenda  ed è  ottimo con la ricotta fresca e con i formaggi freschi di vacca o sul gelato.

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 28 Settembre 2011 17:58 )  

Statistiche

Hits visite contenuto : 104593

GTranslate


Design by i-cons.ch / etosha-namibia.ch